Scultore Guido Moretti

Michelangelo diceva che è possibile fare scultura in due soli modi::

"per via di togliere" o "per via di aggiungere.".

All'inizio del terzo millennio, grazie alle moderne tecnologie, si può fare scultura

"per separazione".

Cubosfera-scultore Guido Moretti

 

La verità non è data a nessuno, si conquista e si crea: nel contempo è scoperta e invenzione.
Attraverso la presa di coscienza che la vita contiene nel proprio grembo il dramma come elemento fondamentale, così come la gioia e la meraviglia, e che questa verità elementare è solo estremamente difficile da accettare, credo di aver superato la drammatica visione delle contraddizioni più brucianti dell’esistere.
Ritrovando e portando alla luce i fossili dei miei amori -dolori ancestrali, e perciò profondi e comuni a tutti gli uomini, mi sono liberato man mano delle forme anatomiche per avventurarmi alla ricerca delle leggi fondamentali che determinano il sedimentarsi sia dei pensieri (sculture della mente) che delle concrete forme materiali.
Affascinato dal mirabile divenire delle forme delle conchiglie, dalla loro geometricità e dalla matematica che sottende tanta stupefacente bellezza, è arrivato per me il momento di cimentarmi nella costruzione “per quanti di materia” di nuove sculture.
Sovrapposizioni di strati come sedimenti materico-mentali che riescono a comporsi nel tempo per dare vita al tutto tondo; cavità sinuose e interne, altrimenti irrealizzabili, appaiono costruendosi, strato dopo strato.
Curve matematiche dalle fredde equazioni, variamente composte e fantasticamente interpretate nelle loro reciproche posizioni, danno vita ad oggetti vibranti di cui non si intravvedono l’inizio e la fine; senza una base di appoggio privilegiata: quasi a significare che, in un’epoca di viaggi spaziali, anche la gravità può essere superata.

Mi piace pensare alle ultime sculture come a “strani oggetti vaganti nello spazio” ruotanti su se stessi in una dimensione in cui i concetti di “alto” e “basso”, “dentro” e “fuori” sono totalmente privi di significato.

Guido Moretti - 1985

 
web agency: Bluoltremare Informatica&Grafica - Links net - Follow on Google+ - sitemap